Milano CentroToday

Ecco come sarà piazza Cordusio: negozi, hotel e il recupero del grande ovale pedonale

I disegni presentati in Comune insieme al progetto

Il progetto (dal sito Freyrie Flores Architettura)

Piazza Cordusio è pronta a cambiare: i privati che stanno investendo negli edifici (Hines, Generali Re e Fosun) hanno depositato - riferisce Andreis sul Corriere - un progetto preliminare con disegni di Freyrie Flores e Mic che cambierà decisamente volto ad un luogo amato dai milanesi.

Meno auto è la parola chiave: in particolare, da via Meravigli, se il progetto venisse accettato dal Comune di Milano, non si potrà più accedere alla piazza con l'automobile. Di conseguenza via Orefici sarebbe a sua volta trasformata, con marciapiedi più larghi. Il grande ovale della piazza sarebbe completamente liberato da fioriere, cartelli stradali e pubblicitari, e non avrebbe più dislivelli. 

C'è spazio anche per qualche dettaglio curioso, come poesie recitate da un altoparlante accanto alla statua di Giuseppe Parini o storie della città accanto a quella di Carlo Cattaneo su largo Santa Margherita (tra via Grossi e la Galleria Vittorio Emanuele). L'obiettivo non celato è quello di favorire la mobilità pedonale in un contesto che diventerà sempre più votato allo shopping.

Chiunque osservi la piazza "liberata" si chiederà perché gli architetti non hanno pensato a nemmeno una pianta. La risposta è che sottoterra c'è la stazione della metropolitana ed è quindi impossibile piantare radici. Sarà però certamente auspicabile pensare ad un po' di verde per abbellire un ovale del genere.

Fiore all'occhiello commerciale della nuova piazza Cordusio sarà certamente il primo Starbucks italiano, 2.400 metri quadri nell'ex palazzo delle Poste acquisito da Blackstone, che però al momento non figura tra i promotori del progetto di riqualificazione della piazza. Hines è invece il proprietario principale, visto che possiede quattro palazzi in tutto. Generali a sua volta trasferirà i suoi dipendenti nella Torre Hadid a City Life e il palazzo di sua proprietà verrà trasformato probabilmente in un centro commerciale con alcuni piani dedicati ad un hotel.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cinese Fosun ha acquistato invece l'ex palazzo Unicredit, che a sua volta verrà convertito in un mega mall con hotel di lusso Waldforf Astoria (sarebbe il primo in Italia). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • "Contagi nascosti e lavoratori senza mascherine": denunciata la Fondazione Don Gnocchi. La replica: "Falsità"

  • Milano, volanti all'inseguimento di uno scooter: finisce con un incidente e un arresto

Torna su
MilanoToday è in caricamento