Milano CentroToday

Altro store dell'Outlet dolciario in Galleria, addio a Salotto e Gatto rosso

Per l'aggiudicazione definitiva, oltre alle verifiche, si dovrà attendere anche l'esito del ricorso al Tar degli attuali gestori

Il ristorante Salotto, uno dei due spazi messi a bando

Aggiudicati (in via provvisoria) gli spazi in Galleria Vittorio Emanuele attualmente utilizzati dal Salotto e dalla Locanda del Gatto Rosso, i due ristoranti con i quali c'era stata anche una vertenza con i giudici amministrativi. Tutte le sei società partecipanti hanno ottenuto il massimo punteggio per l'offerta tecnica: le vincitrici hanno quindi prevalso sulle altre per il lato economico, ovvero l'offerta di un canone annuo di affitto più alta.

Gli spazi del Salotto sono stati vinti dalla società Molino 6-678 Sas (300 mila euro di canone offerto contro una base d'asta di 140.800 euro, il gruppo ha già un bar a Milano), quelli del Gatto Rosso dalla società Lupita's Srl, che ha offerto 720 mila euro annui contro 289 mila di base d'asta. Lupita è la società di Mauro Tiberti, imprenditore bresciano fondatore dell'Outlet dolciario, che ha già tre negozi a Milano (via Torino, Buenos Aires e Duomo). L'offerta è molto alta: 3.500 euro al metro quadro è record all'Ottagono. 

L'aggiudicazione definitiva sarà sancita dopo la conclusione del normale iter di controllo, con accertamenti fiscali e giudiziari, ma anche dopo la sentenza del Tar attesa per giugno in risposta alle istanze presentate dagli attuali gestori dei locali. 

Il Comune di Milano avrebbe preferito "salvaguardare" la storia della ristorazione in Galleria, prorogando senza gara le concessioni di Savini, Salotto e Gatto Rosso, ma - negli ultimi mesi di mandato di Pisapia - ha ricevuto un primo stop dall'Anac (Autorità nazionale anticorruzione) e ha suggerito ai tre ristoratori di presentare un ricorso. Ma se il Savini è stato riconosciuto dal Tar come un "simbolo" storico-culturale, non così per gli altri due locali. 

Ora, con il bando per gli spazi, Palazzo Marino ha provato ad inserire una clausola che "aiutasse" Salotto e Gatto Rosso: la possibilità per i due ristoranti esistenti di "pareggiare" - se lo avessero voluto - l'offerta massima arrivata. Ma l'Anac ancora una volta ha affermato l'illegittimità di una clausola del genere, dando di fatto il via libera ad una gara totalmente aperta.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Altro incidente sul lavoro a Milano: operaio colpito alla testa da un tubo d'acciaio, ferito

  • Cronaca

    Va in giro per Milano armato di ascia e si "apposta" fuori da un bar: fermato dai ghisa

  • Incendi

    Incendio a Baranzate: esplosione, fiamme e fumo nell'azienda che tratta rifiuti speciali

  • WeekEnd

    Cosa fare a Milano dal 19 al 21 gennaio

I più letti della settimana

  • Ubriaco non dà la precedenza e travolge una famiglia: l'incidente fa due morti, arrestato

  • Grave incidente a Milano, schianto tra due auto in via Cosenz: due morti e quattro feriti

  • Milano, ecco il locale di Black Mirror: il ristorante del futuro dove si paga con i like

  • Parte un colpo di pistola "per sbaglio": una studentessa 21enne uccisa dal suo fidanzato

  • Incidente in un'azienda che lavora metalli, sei operai intossicati: tre morti, un altro è grave

  • Incidente in via Astesani, davanti la fermata di Affori FN: strada chiusa e traffico in tilt. Foto

Torna su
MilanoToday è in caricamento