Milano CentroToday

Presidio disabili: Pisapia applaudito, la Moratti fischiata

Match a distanza Moratti-Pisapia al presidio dei disabili in Centrale. Il sindaco accolto dai fischi, lo sfidante da un'ovazione

L'associazione dei disabili Ledha stamattina ha tenuto un presidio in piazza Duca d'Aosta, davanti alla stazione Centrale, per protestare contro i tagli del governo ai servizi sociali. Il candidato del centrosinistra Giuliano Pisapia è arrivato verso le undici ed è stato accolto da un'ovazione. Poi, a sorpresa, anche la Moratti ha deciso di intervenire, ma per lei bordate di fischi.

Secondo i dati della Ledha, nel 2010 i finanziamenti nazionali per i servizi sociali erano pari a 2 miliardi e 527 milioni di euro; nel 2011 la cifra sarebbe scesa a 545 milioni. A questo si aggiungono i tagli che i comuni devono effettuare alle proprie risorse.

Un clima, quindi, che per il centrodestra non era esattamente dei migliori, quello di stamattina in Centrale. E infatti, come detto, all'arrivo Giuliano Pisapia è stato accolto da un'ovazione. "Milano deve diventare la città dei diritti - ha detto - se sarò eletto sindaco m'impegnerò a restituire ciò che è stato tolto".

Pochi minuti dopo che se n'era andato, è arrivata Letizia Moratti a sorpresa, e giù fischi. Lei ha provato a prendere la parola: "Da cinque anni - ha detto - conosco i vostri problemi e per questo sono qui. Mi impegnerò col ministro Sacconi per eliminare i tagli, intanto il Comune ha dato 31 milioni di euro in più nel 2010 e 5 milioni di euro in più nel 2011". Ma non è bastato: i fischi non sono cessati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio stamattina, in una intervista al Giornale, Davide Boni (presidente del consiglio regionale) aveva suggerito al sindaco di "fare come la Lega, andare per le strade a incontrare la gente, magari prendendosi qualche vaffa". Suggerimento prontamente seguito, per ora senza grande successo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino: 441 nuovi casi in Lombardia, ma terapie intensive sotto i 200

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Coronavirus, distanziamento al ristorante: in Lombardia regole diverse ed è polemica

  • Bollettino coronavirus Lombardia e Milano: solo 8 contagi a Milano, 620 positivi in meno in Lombardia

  • Bollettino Lombardia martedì 19 maggio: sempre più guariti, ma risalgono morti e contagi

  • Incidente in viale Monza, travolto e ucciso da un'auto mentre cammina sul marciapiede

Torna su
MilanoToday è in caricamento